Limitare la curiosità di Google

Studiando le varie metodologie per essere allineati alla legge sulla riservatezza dei dati chiamata GDPR, ho indagato tra i vari metodi per dare la possibilità all’utente di limitare la curiosità dei diversi servizi di profilazione degli utenti.

Uno tra tanti: Google Analytics.

Tutti i giorni ci troviamo a essere osservati e profilati da Google e altre aziende che si occupano di analisi del traffico dei siti web. Questi servizi sono nati per analizzare la visibilità di un sito internet e per valutarne la possibilità di monetizzare la visualizzazione delle pagine grazie. Infatti spesso i servizi di analisi del traffico dei siti web vanno di pari passo a servizi per la vendita di spazi pubblicitari (vedi Google AdWords).

Oggi però questi servizi si sono evoluti e sono in grado di comprendere moltissimo riguardo i gusti e le esigenze degli utenti. In certi casi, sono anche in grado di prevederli!

Qui interviene il GDPR, ogni utente deve essere libero di decidere quali informazioni possono essere salvate sul proprio conto e dove devono essere salvate.

Esistono diversi metodi utilizzati per dare la possibilità agli utenti di limitare i dati inviati a servizi di profilazione.

  1. il sito internet può chiedere all’utente se vuole permettere a Google Analytics di analizzare le sue scelte sul sito. Questo è in genere fatto dalle grandi compagnie come HP, Microsoft e da me 😀 )
  2. chi sviluppa il sito internet può spiegare all’utente come impedire che il sito tracci le informazioni riguardanti la sua navigazione. In questo secondo caso sono molteplici le possibilità. D

Siamo qui per parlare del caso in cui lo sviluppatore scarichi l’onere di limitare i servizi di profilazione all’utente. Esistono molteplici soluzioni, una tra tante è l’installazione di un apposito Plug-In, rilasciato di Google, per rendere anonima la raccolta di informazioni sui siti che integrano i servizi di Google Analytics.

Il Plug-In è disponibile per tutti i maggiori browser in circolazione ed è scaricabile al seguente indirizzo:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

La procedura di installazione è molto semplice:

  1. cliccate sul bottone Scarica il componente
  2. confermate lo scaricamento del componente
  3. una volta terminato il download verrà visualizzata in automatico una breve guida su come installarlo
  4. seguite la guida di Google passo a passo
  5. chiudete e riaprite il browser

Questo strumento è molto utile, ma a mio parere l’unico modo per essere certi di non essere troppo spiati e l’utilizzo della modalità di navigazione anonima del proprio browser.